Ascolta Radio DARA

Ascolta RADIO DARA

Ultime News

Arriva in Puglia "Warhol. L'alchimista degli anni Sessanta"

mercoledì 22 maggio 2019
Arriva in Puglia Arriva in Puglia “Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta”. Dal 23 maggio al 9 dicembre, il secondo appuntamento che vede la collaborazione tra Puglia Micexepericence e Associazione MetaMorfosi, dopo Picasso protagonista indiscusso dell’estate 2018, porta sul territorio pugliese un altro grandissimo interprete dell’arte contemporanea. Del padre della Pop Art Andy Warhol arrivano in mostra 140 opere in grado di ripercorrere il suo universocreativo, attraverso le icone più riconoscibili della sua arte, dalle serie dedicate a Jackie e JohnKennedy a quelle consacrate al mito di Marilyn Monroe, dalla osservazione critica della societàcontemporanea, attraverso la riproduzione seriale di oggetti della quotidianità consumista, all’analisi degli altri aspetti come la musica o la rivoluzione sessuale.

Curata da Maurizio Vanni, prodotta da PugliaMicexperience e dall’Associazione Culturale Spira-leD’Idee in collaborazione con l’Associazione Culturale Metamorfosi, col patrocinio dei Comuni di-Martina Franca, Mesagne, Ostuni e della Regione Puglia e con lapartecipazione, nel catalogo rea-lizzato da Silvana Editoriale, della The Andy Warhol Art WorksFoundation for the Visual Arts, la rassegna inaugura il 22 maggio 2019 alla presenza dell’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale Loredana Capone (apertura al pubblico dal 23 maggio) con il taglio del nastro delle sezioni allestite al Palazzo Ducale di Martina Franca e al Castello Normanno Svevo di Mesagne. A breve seguirà l’apertura dell’ultima sezione prevista, quella di Ostuni, nelle sale di Palazzo Tanzarella. Arricchita da ulteriori appuntamenti collaterali, che l’accompagneranno per tutta la sua durata coinvolgendo il territorio e la popolazione, la mostra si concluderà il 9 dicembre 2019.

Sei le sezioni espositive previste per raccontare un Andy Warhol che, nell’arte contemporanea, ha rappresentato la figura di un moderno alchimista, trasformando la materia in forma che incontra il colore e la superficie per poi unirsi alla luce, allabellezza suprema.
Consumismo, oggetti quotidiani e serialità, racconta Andy Warhol interprete tra i più lucidi del suo tempo, agli inizi della suacarriera, quando vedeva nell’oggetto di consumo di massa, il simbolo dell’immaginariopopolare di cui si nutriva la Pop Art e qui testimoniato dalle serigrafie delle lattine di zuppaCampbell, del detersivo Brillo, e delle banconote di dollari americani. L’esigenza di una produzione seriale e la volontà di ripetere i soggetti con rapidità, portò Warhol asperimentare la tecnica della serigrafia fotografica, un procedimento che modificò il suo approccioall’arte visiva. Particolarmente suggestiva è la sezione che si occupa dei Miti oltre il tempo. L’occasione per-sfruttare al massimo le opportunità legate alla serigrafia fotografica fu data dalla morte di Maril-ynMonroe nell’agosto del 1962; appena saputa la notizia, infatti, Warhol decise di realizzare una-serie di opere utilizzando una foto pubblicitaria in bianco e nero tratta dal film “Niagara” del 1953. In mostra si possono ammirare alcune di queste serigrafie, accanto a quelle della serie Jackie, ovvero le immagini di Jacqueline Kennedy, colte durante il funerale del marito John Fitzgerald Kennedy. Ilpresidente degli Stati Uniti è inoltre il protagonista di Flash, undici serigrafie che raffigurano larappresentazione mediatica dell'assassinio del 22 novembre 1963. Amore per la musica. Da producer a ideatore di cover documenta la passione di Warhol per lamusica, sia essa rock, jazz, pop, lirica, di cui fu produttore, come nel caso dei Velvet Undergrounddi LouReed e Nico, o creato-re di copertine, come quelle di artisti quali Diana Ross, The RollingStones John Lennon, Aretha Franklin, Miguel Bosé, Loredana Bertè e altri.Mentre negli anni Sessanta le figure ritratte mante-nevano personalità e caratterizzazionefisiognomica ancora definita, nei lavori degli anni Settanta, Warhol utilizzava procedimenti piùneutrali, anonimi e meccanizzati per arrivare ad avere una pre-cisione inespressiva priva diintensitàemotiva. Il suo obiettivo era quello di scoprire la verità e non la realtà, quell’essenzadel mondo e delle cose che può giungere all’uomo solamente attraverso i mezzi di comunicazionedi massa. In Personaggi celebri. A uso e consumo si trovano ritratti di Muhammad Alì, Mao Tse-Tung - anch’egli diventato un prodotto di consumo di massa - o la nuova serie di Marilyn, o leimmagini di altre personalità quali Leo Castelli, David Hockney, Man Ray, rea-lizzate agli inizi deglianni Settanta, caratterizzate da un deciso aumento di interventi diretti, di tratti e di colore,attraverso pennelli e dita sulla carta, o ancora di Liza Minnelli, Truman Capote, Carolina Herrera,della seconda metà del decennio, contraddistinte da una stesura omogenea di colori vivaci e voltiche, in relazione alla proporzione con lo spazio, risultavano molto più grandi del reale.
La mostra continua con la sezione che analizza la Rivoluzione sessuale di cui Warhol fu testimo-nee uno dei principali artefici della liberazione dei costumi, attraverso la famosa serie Ladies an-dGentleman del 1975, nella quale i personaggi rappresentati, immortalati con pose e pettinature-eccentriche e singolari, erano contaminati con campiture di colore improbabile e innaturale co-mel’arancio, il lilla, il verde acido, il rosso acceso, il blu manganese, il giallo ocra, oppure con del-lesemplici e nitide inquadrature frontali, o a tre quarti, dove era evidente il travestimento.A queste si aggiungono le foto di Makos che ritraggono Warhol in abiti femminili e la proiezione delfilm Women in revolt del 1971, prodotto da Andy Warhol, girato nella New York del fermento dellarivoluzione sessuale e doppiato nella versione italiana da Vladimir Luxuria. Chiude il percorso espositivo la sesta sezione, L’influenza pop che raggiunge la Puglia, con un appassionante richiamo alla fondamentale influenza sugli artisti pugliesi.

“In questa offerta culturale, la Pop Art pugliese diventa protagonista - spiega Pierangelo Argentieri presidente di Federlalberghi e stratega del progetto espositivo di mostra diffusa che già aveva avuto grande successo con Picasso lo scorso anno - intorno all’iniziativa c’è un lavoro di coinvolgimento dei territori attraverso i Distretti Urbani del Commercio. Fortemente voluto dagli operatori economici che ce lo hanno sollecitato, questo progetto vuole stimolare le realtà locali a tirare fuori nuovo idee da inserire in “Puglia walking art”. E sono già nati progetti di amministrazioni locali per approfondire temi legati ai diritti civili, alla rivoluzione dei costumi, ai transgender, alla guerra del Vietnam. Stimolare la mente, coinvolgendo tutti, vuol dire smuovere le acque culturali del nostro territorio”.

La mostra, che ha visto la sua tappa dal 25 gennaio al 28 aprile 2019 all’OrangeriedellaVilla Reale di Monza in collaborazione con il Comune cittadino e con la Regione Lombardia, è accompagnata daun volume (Silvana Editoriale) con testi del curatore, e testimonianze diVladimir Luxuria, per gli aspetti legati alla rivoluzione sessuale e dei Nomadi, per quelli connessialla musica.

“Dopo il grande successo di “Picasso. L’altra metà del cielo”, siamo lieti di proporre, in collabora-zione con Spirale di Idee, una lettura innovativa e rigorosa di come negli anni ’60 esplose il feno-meno pop e il suo più iconico e importante esponente, Andy Warhol - spiega Pietro Folena Presi-dente di MetaMorfosicoorganizzatrice dell’evento - Un grazie speciale a Maurizio Vanni, curatore della mostra. Con Micexperienceè iniziata una cooperazione attorno all’idea di mostra diffusa de-stinata a durare nel tempo, con proposte di grande qualità”.


Condividi su
Partners