Ascolta Radio DARA

Ascolta RADIO DARA

Ultime News

GLI ARCHITETTI ITALIANI APPLAUDONO IL SALENTO

luned́ 7 dicembre 2015
GLI ARCHITETTI ITALIANI APPLAUDONO IL SALENTO Gli architetti italiani applaudono il Salento. Guardano al territorio salentino le proposte più innovative sui possibili modelli di sviluppo delle città italiane e dei loro territori, selezionate sull'intero territorio nazionale.
Grande consenso ha riscosso il video del Gruppo Foresta, “Salento: fotogrammi di un territorio”, l'unico contributo pugliese tra i cinque vincitori del concorso “Becoming architect”, promosso dall'Osservatorio permanente partecipato del Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori.
A convincere gli architetti italiani è stata la visione alternativa di Salento proposta nel video, non ultima propaggine dell'Europa ma una terra orgogliosamente a Sud, che trova nel rapporto con il mare e nell'orizzonte aperto che la caratterizzano la propria ricchezza e unicità di “crocevia del Mediterraneo”.
I cinque video premiati verranno ora mostrati in diverse sedi sull'intero territorio nazionale. La prima tappa sarà la “Casa dell'architettura” di Roma.
Un successo “doppio”, oggi a Genova, per il Salento, a cui è andato anche il premio Archiprix Italia per le migliori tesi di laurea italiane in architettura, urbanistica, paesaggio e restauro promosso dall'Ordine degli architetti di Genova e dal Miur. Ad essere premiate sono state le tesi di laurea di Elisabetta Montenegro (sulla antica città di Taranto e il suo centro storico) e del gruppo formato da Davide De Leo, Francesco Carbone, Tiziana De Gennaro, Giuseppe De Marinis Gallo, Marianna De Palma, Silvia Manginelli (sul castello di Massafra) tutti studenti del Politecnico di Bari.
Il riconoscimento al Salento e alle sue potenzialità arriva in una giornata importante per gli architetti italiani e la pianificazione del Paese. Mentre si svolgeva la manifestazione presso l'Ordine degli architetti di Genova, a Roma nella sede del Miur si teneva il primo seminario per la formazione e l'internazionalizzazione della Scuola italiana di architettura.

«Questo successo dimostra che la Puglia è anche altro – commenta Alfredo Foresta, autore del video premiato da Becoming architect - c'è una Puglia contemporanea legata all'architettura che sa reinterpretare la storia. I versi del cantautore Mino De Santis, che ho voluto inserire nel mio contributo, sono un auspicio per una pianificazione integrata del territorio, peraltro già prevista nella nostra regione, una delle poche in Italia ad essersi dotata di una legge sulla qualità architettura. Questo premio è per me una sollecitazione a non abbandonare la riflessione sul territorio, per questo mi impegno a promuovere un momento di confronto che coinvolge gli autori delle tesi di laurea premiate. Ancora di più - aggiunge - si sente la necessità in questo territorio di una facoltà che studi il paesaggio come forma di antropizzazione del territorio, che contrmpli l'architettura, l'agricoltura e il turismo come momenti di sviluppo».
Nel suo intervento, Foresta ha anche ricordato l'esempio di chi ha ispirato il suo lavoro di architetto.
«Questo rinascimento degli architetti italiani si deve a un visionario, al compianto presidente nazionale Raffaele Sirica, che vent'anni fa ha traghettato la figura dell'architetto oltre la categoria professionale, affidando all'architetto il ruolo di sentinella del proprio territorio».
L'intervento ha ricevuto un'accoglienza particolarmente calorosa da Domenico Podestà, presidente del Dipartimento Europa ed Esteri del Consiglio nazionale dell'Ordine degli architetti, e da Paolo Pisciotta, membro del Consiglio nazionale degli architetti, che hanno apprezzato l'impegno di Foresta nel ricordo del presidente Sirica.
Condividi su
Partners