Ascolta Radio DARA

Ascolta RADIO DARA

Ultime News

LATIANO, PAREGGIO QUASI INUTILE

lunedì 13 maggio 2013
LATIANO, PAREGGIO QUASI INUTILE Il rientro nel campo di casa non porta bene ai ragazzi di mr. Carteni

“La matematica non ci condanna, quindi lotteremo fino alla fine. Abbiamo un campionato da onorare fino all'ultima giornata”. Queste le parole con cui mr. Carteni, allenatore dei rossoblu di Latiano, si congeda da un match che avrebbe potuto regalare molte più emozioni e punti alla società latianese.
Un mese e mezzo dopo l'ultima partita in casa (contro il Lizzano, ndr), la compagine rossoblu ricalca il terreno del Comunale contro un giovanissimo A.Toma Maglie, ormai salvo, ma spinto proprio dall'ardore giovanile della rosa schierata in campo.
Una manciata di occasioni nel primo tempo, non entusiasmante a dirla tutta, ma che mette in mostra l'ottima organizzazione data dal latianese DOC Carteni alla squadra della propria città, sebbene l'addio di Pica abbia fatto perdere consistenza ad un attacco guidato ora da Carteni (Ivan), sicuramente propositivo ma limitato dalla ancora scarsa condizione fisica.
Ben trenta minuti di distanza temporale tra le uniche due occasioni degne di nota nel primo tempo, una per parte.
La prima, al 15' minuto, vede Leanza (classe '97) districarsi bene sul limite destro dell'aria. Il giovane centrocampista giallorosso, però, non trova nessun compagno a seguire l'azione sul pericolosissimo traversone basso che attraversa l'area piccola.
L'occasione latianese arriva poco prima dello scadere quando, su punizione dal limite, Summa per poco non sorprende De Iaco che vede il pallone rimbalzare a 30 centimetri dai suoi piedi.

Secondo tempo più entusiasmante. Al 4' minuto Resta atterra Vendetta, ultimo uomo latianese. Il cartellino rosso estratto dal signor Labianca di Foggia risulta quasi essere una troppo ovvia conseguenza.
Al 15' minuto ancora Vendetta, da sinistra, si accentra cercando il palo più vicino, De Iaco è bravissimo a distendersi e a respingere in angolo.
Passano 5 minuti e il Maglie si porta inaspettatamente in vantaggio. Un passaggio verticale per Quarta, che lascia andare, diventa un perfetto assist per il neo entrato Ingrosso, che trafigge l'indeciso Magazzino.
La risposta latianese parte ancora dai piedi di Summa che dal limite, su calcio di punizione, centra in pieno la traversa con una conclusione morbida.
Al 34' ottima percussione di Di Potenza che, da sinistra, mette al centro poco dietro per l'accorrente Vendetta, che però si coordina male e spara alto a lato.
Bastano tre minuti all'attaccante rossoblu per riscattarsi. Entrato in area da sinistra, ipnotizza con un doppio passo Caputo, già ammonito e graziato dall'arbitro che però risulta intransigente sulla decisione del penalty che lo stesso Vendetta trasforma per il pareggio.
L'ultima occasione del match vede protagonista il giovane D'Aversa (classe '96) che defilatissimo sulla fascia destra pennella al centro un ottimo pallone per Vendetta che però risulta ancora una volta poco freddo sotto porta.

Considerando i risultati delle dirette concorrenti (Delfini Rossoblù sconfitto in casa dal Fragagnano e San Cesario travolto in trasferta dal Carovigno), la partita contro il Maglie avrebbe potuto costituire un'ottima occasione per i ragazzi di mr. Carteni di accorciare le distanze. Purtroppo quest'anno la sfortuna sembra aleggiare come la più famosa nuvola fantozziana sulle teste dei giocatori rossoblu.
La permanenza nella cadetteria pugliese sembra un miraggio fin troppo mistico ma, finché non si avrà la certezza che di miraggio si tratta, è bene continuare a lavorare a testa bassa sperando nel ribaltamento di un destino finora fin troppo avverso.

Pietro Andriulo
Ufficio Stampa US Latiano
Condividi su
Partners