Ascolta Radio DARA

Ascolta RADIO DARA

Ultime News

Ritorno all'opera al Teatro Verdi di Brindisi. È di scena «Madama Butterfly»

giovedì 20 aprile 2017
Ritorno all'opera al Teatro Verdi di Brindisi.  È di scena «Madama Butterfly»Torna la grande opera al Teatro Verdi di Brindisi. Domenica 7 maggio (ore 18) arriva uno dei capolavori più amati di Giacomo Puccini, appuntamento che chiude la stagione «Opera in Puglia».
«Madama Butterfly» è la più orientale e struggente delle opere di Giacomo Puccini, capolavoro tra i più amati e rappresentati della storia del melodramma. Al Teatro Verdi di Brindisi torna in scena domenica 7 maggio (ore 18) con una produzione diretta dal bolognese Francesco Esposito, uno tra i più esperti registi d’opera.


«Madama Butterfly» segna il secondo appuntamento di «Opera in Puglia», la stagione lirica promossa dalla Regione Puglia con il Teatro Pubblico Pugliese e diretta da Giandomenico Vaccari. Direttore d’orchestra il salentino Eliseo Castrignanò. Scene e costumi sono di flavio Arbetti. Sul palcoscenico del Teatro Verdi si ripresenta la vicenda tragica di Cio-Cio-San, l’eroina del dramma pucciniano che da giovane fanciulla si trasforma presto in donna matura.

La prima, andata in scena in una turbolenta serata al Teatro alla Scala nel febbraio 1904, è segnata dalla famosa ondata di «grugniti, boati, muggiti, risa, barriti, sghignazzate». Puccini, però, non si perde d’animo né perde la sua fede nell’opera: «Sono tranquillo - scriverà - nella mia coscienza d’artista. Possono dire ciò che vogliono ma non riusciranno a seppellirmi né ad ammazzare la mia “Butterfly”, la quale risorgerà viva e sana più di prima. E giuro a Dio e agli angeli suoi che è l’opera mia più sentita e più sinceramente scritta. Dio è poi giusto». Perfino Giovanni Pascoli incita il musicista a non arrendersi esprimendo in versi la sua solidarietà: «Caro nostro e grande Maestro, la farfallina volerà: ha le ali sparse di polvere, con qualche goccia qua e là, gocce di sangue, gocce di pianto». In effetti, nella nuova scansione in tre atti, l’opera trionfa tre mesi dopo al Teatro Grande di Brescia, al punto che Puccini è costretto a presentarsi dieci volte sul palcoscenico per raccogliere l’ovazione del pubblico.

Il compositore lucchese mette in contrapposizione due mondi: quello romantico, fedele e un po’ ingenuo di Cio-Cio-San, con quello cinico e ammaliante di Pinkerton. La giovane geisha è sedotta dal fascino del sogno americano tanto da rinnegare la famiglia, la cultura e la religione. Sposando l’occidentale e dando alla luce il figlio, Butterfly perde la sua identità. Quando, dopo tre anni di assenza, Pinkerton torna a reclamare con la moglie americana la proprietà del figlio, Butterfly realizza l’illusione nella quale ha vissuto fino a quel momento. Nel dolore, la giovane geisha si toglie le vita, recuperando la sua perduta identità e, con essa, la dignità.

Interpreti della messinscena brindisina Daniela Schillaci (Cio-Cio-San), Antonella Colaianni (Suzuki), Maria Rita Chiarelli (Kate Pinkerton), Lorenzo Decaro (Pinkerton), Devid Cecconi (Sharpless), Massimiliano Chiarolla (Goro), Federico Buttazzo (Principe Yamadori), Emanuele Cordaro (Zio Bonzo), Giorgio Schipa (Commissario imperiale) e Carlo Provenzano (Ufficiale del registro).



Nell’ottica di favorire la partecipazione dei più giovani e avvicinarli al mondo del teatro d’opera, anche per questo spettacolo è riservato agli studenti delle scuole secondarie e alle associazioni culturali, di danza e musicali, il prezzo speciale di 10 euro. La promozione è estesa a docenti e dirigenti scolastici: un modo per aprire il teatro, con tutte le sue forme d’arte, alla fruizione del pubblico di ogni età e interesse. Le adesioni, riportate in un elenco, devono essere comunicate entro il giorno precedente lo spettacolo alla biglietteria del teatro, aperta tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 20. Info 0831 562 554.


Si comincia alle ore 18.00
Durata dello spettacolo:
Biglietteria online http://bit.ly/2o6AhtU
Tel. (0831) 229230 - 562554

 
 
Condividi su
Partners